Libreria del call center

 

 

Operatore call center

 

Ormai sono un operatore.

Non c’è motivo di nasconderlo, sono un operatore call center. Uno potrebbe pensare che dopo una giornata passata al telefono con gli occhi fissi sullo schermo, un operatore non voglia più saperne di quel mondo fatto di cuffie, monitor e postazioni asettiche una volta finito il turno di lavoro. Io invece – mannaggia a me – ho deciso di scrivere un romanzo e di ambientarlo proprio in un call center e come se non bastasse mi sono messo a ricercare tutti i libri pubblicati che sono ambientati in questo ambiente di lavoro.

Ho deciso quindi di parlarvi di alcuni libri che sono riuscito a trovare. Chi ne ha scritto uno o ne conosce altri può scrivermi dal form contatti o su Facebook e lo aggiungo subito.

Un piccolo appunto prima di lasciarvi ai libri: ho pensato questa pagina come una piccola libreria dedicata ai call center. Quindi ho inserito il link ad Amazon per acquistare il libro.

Buona lettura e benvenuti nella Piccola libreria del call center!

 

***

 

Il mondo deve sapere. Romanzo tragicomico di una telefonista precaria di Michela Murgia – Isbn edizioni 2006

Ormai è considerato un classico. Pubblicato nel 2006 da Isbn edizioni e prima pubblicato a puntate dall’autrice sul suo blog, questo “romanzo tragicomico” è il diario nato dalla reale esperienza dell’autrice all’interno del call center Kirby (azienda statunitense che produce un elettrodomestico multifunzione utile per pulire la casa e per molte altre diavolerie). Liberamente ispirato al romanzo, nel 2008 è uscito nelle sale il film Tutta la vita davanti di Paolo Virzì con Massimo Ghini, Isabella Ragonese, Sabrina Ferilli, Elio Germano, Valerio Mastandrea.

Il lavoro della protagonista consiste nel prendere appuntamenti con dei probabili clienti, costretti poi a sorbirsi la dimostrazione in casa propria di tutto quello che il Kirby può fare. La Murgia ha una formula di scrittura vincente e si concentra soprattutto sulle tecniche tipiche dei call center che lavorano su appuntamenti.

Assolutamente da leggere per stile, ritmo e per confrontarlo con le storie degli operatori di oggi e capire come è cambiato questo ambiente di lavoro.

Acquista il libro su Amazon

 

Mi spezzo ma non m’impiego di Andrea Bajani – Eianuadi 2006

Anche questo romanzo, come quello di Michela Murgia, è del 2006 ma non si concentra solamente sugli operatori call center. Bajani racconta le tante figure di precariato contemporaneo – stagisti, collaboratori, free lance, interinali e partite Iva – ovvero tutte quelle soluzioni che i datori di lavoro hanno per non assumere e avere comunque forza lavoro fresca da impiegare a seconda delle esigenze. L’autore, ovviamente, non può non parlare anche degli operatori call center che sono i prìncipi dell’Italia precaria.

Acquista il libro su Amazon.

 

Per sempre di Edoardo Nesi – Bompiani 2010

Alice, la protagonista del romanzo, ha sette tatuaggi e tredici piercing e lavora nel call center “Call me” che ormai è stato trasferito in India, dove la forza lavoro costa meno. Non è un romanzo sul lavoro nel call center o ambientato in un call center, ma l’autore è bravo a parlare di una generazione in mobilità  identitaria oltre che professionale, perennemente in attesa di un segno e alla ricerca di stimoli. La complessità della protagonista, a mio avviso, acquista ulteriore valore proprio perché lavora in un call center, simbolo professionale di una generazione continuamente illusa e disillusa,  vinta dal precariato e superata da chiunque costi meno.

Acquista il libro su Amazon.

***

Dopo i nomi più famosi, ecco un paio di romanzi di giovani autori meno conosciuti che hanno deciso di parlare di call center o di ambientare i loro romanzi in questo luogo di lavoro.

 

Yes we call di Gabrile Fabiani – Edizioni Periferia 2013

Anche in questo caso, come per Il mondo deve sapere, il libro nasce dall’esperienza diretta dell’autore. Il giovane Gabriele Fabiani svela tutti i retroscena del mondo dei call center per far conoscere ai lettore chi c’è al di là della cuffia e in quali condizioni lavorative sta svolgendo quel servizio.

Acquista il libro su Amazon.

 

Alice nel paese dei call center di Dalila Coviello – Nike editore 2014

La tipica condizione di operatore call center insoddisfatto viene qui raccontata dall’autrice sulla base della propria esperienza professionale.  Alice è una operatrice precaria che cerca di costruirsi una vita, ma resta attaccata alla cuffia pur cercando un lavoro migliore. E quando sembra nascere una nuova opportunità, ecco che si viene travolti da colloqui assurdi e proposte di lavoro che sono delle prese in giro. Mai arrendersi!

Acquista il libro su Amazon.

 

***
Dopo tanti romanzi parliamo anche di reportage/inchiesta sul mondo del call center.

 

La zattera di Fulvio Colucci – Il Grillo edizioni 2015

È il libro più recente sui call center. La zattera è una inchiesta di Fulvio Colucci – giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno – sul mondo del call center a partire dalle persone prima ancora che dal lavoro svolto. Incontriamo veri ragazzi – genitori o ancora studenti – che vivono il dramma della loro condizione precaria che impedisce di fare progetti per la propria vita. Fino alla beffa del Job Act che taglia fuori gli operatori call center dalle novità introdotte dalla riforma. Gli operatori restano così attaccati alle loro postazioni che galleggiano su zattere di speranza.

 Acquista il libro su Amazon.

 

Generazioni precarie. Formazione e lavoro nella realtà dei call center di Pietro Maltese – Edizioni Ets 2011

Il metodo formativo e l’organizzazione del lavoro nei call center muta l’impostazione aziendale alla quale eravamo stati abituati, e quindi la vita stessa del lavoratore e la sua condizione di subordinato che diventa parasubordinato oltre che precario. A partire da una inchiesta su alcuni call center di Palermo, questo libro analizza la relazione tra formazione e lavoro in un contesto lavorativo che le precedenti generazioni non conoscevano e dove la flessibilità regola ogni rapporto e valutazione professionale.

Acquista il libro su Amazon.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *